Io e il fantasma

Mi siedo a gambe incrociate sul pavimento. È freddo, ma non è un problema.

Lei si siede accanto a me (o meglio si accovaccia, piegandosi sulle ginocchia). Mi fissa, ma non ha il coraggio di iniziare a parlare.

<<Vuoi dirmi qualcosa?>>

<<Nulla di che, in realtà. Solo che mi dispiace… Non ti manco?>>

<<Un po’, ogni tanto. Ma ammetto che non ho ricordi chiari.>>

<<Sul serio? Come fai a non ricordare quando…>>

<<Non sempre, l’ho detto. Ci sono dei momenti che è come se ti avessi davanti e non fosse mai cambiato nulla. Ma altre volte… no, è così: è cambiato tutto e tu non ci sei più.>>

<<Ma… io… posso sempre tornare! Io sono sempre con te, dentro di te; io non me ne sono mai andata!>>

<<Oh sì, invece.>>

Ho finalmente il coraggio di voltarmi e di guardarla in faccia: ha il solito trucco scuro marcato, ma l’espressione di chi sta per piangere.

<<Non avrei mai voluto nemmeno io e fino a poco tempo fa mi illudevo che fosse così, che fosse sempre tutto uguale, ma non è così. E, a essere sincera, non lo vorrei nemmeno più.>>

Ora sono io che sto per piangere, ma non sono davvero triste; mi sento leggera.

<<Ti dimenticherai, allora?>>

<<Non posso dimenticarmi, ma tu non esisti più.>>

E così il fantasma di me mi sorrise, mi fece fare un’altra risata e se ne andò.

Per stavolta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...