Gli sguardi della gente

Già non è facile uscire di casa per chi ha difficoltà psicologiche ad affrontare il mondo esterno; se poi ci si mettono anche gli sguardi della gente…

Perché sarebbe molto più facile se tu uscissi di casa con la certezza che ognuno guarda solo dove mette i piedi. Sì, lo so, sembra qualcosa da mondo robotizzato e, in teoria, sarebbe la fine del rapporto umano fra persone. Ma io ho già abbastanza paura di mio ad affrontare gli spazi aperti; non mi servono anche gli sguardi della gente, più indecifrabili degli indovinelli della Sfinge.

Ci sono vecchietti che, al mio passaggio, sollevano lentamente le palpebre con le pieghe. Le sopracciglia – anche quelle appesantite da rughe che si piegano come stoffa su pochi peli arruffati – si alzano in maniera diseguale e la bocca rimane semi aperta. Che cosa vuol dire quella espressione? Meraviglia per come sono conciata? Disappunto perché gli sono passata davanti? Era l’accenno a una richiesta d’aiuto, bloccata dal fiatone? Inizio a fare domande, mi distraggo, mi preoccupo, non capisco più dove sono e mi risale l’ansia di essere fuori dalla mia casuccia.

Ci sono bambini, ragazzini, che mi fissano con grandi occhi limpidi. Gli occhi restano fissi, mentre la testa o le braccia o le gambe dondolano ritmicamente, come quando la mamma li cullava per tranquillizzarli. Guardano fisso me, ma intanto continuano a parlare con la sorellina o il fratellino o la mamma. Perché mi guardano così? Trovano il mio aspetto buffo, bello, brutto, strano? Si ricorderanno anche di me in seguito o stavo soltanto occupando il loro campo visivo in via momentanea? Altre domande, altre pippe mentali, mi distraggo di nuovo e inizio a sudare, desiderando di tornare a casa il più presto possibile.

Per me è così ogni volta che esco; per uscire di casa devo farmi forza o concentrarmi su altro. Mi viene molto più facile distrarmi quando ho qualcuno accanto a me, ma non sempre si può uscire con la guardia del corpo. 

Perché, sapete, tutte queste mentali le ho fatte in un quarto d’ora, quando sono andata a fare la spesa.

2 pensieri riguardo “Gli sguardi della gente

  1. Ti capisco perfettamente, a me succede la stessa cosa e non è affatto piacevole!!! A volte mi sento arrabbiata e dico tra me e me:”ma che Diavolo ha da guardare la gente!!perchè non si fa gli affari suoi!”. Ma poi mi ricordo che si tratta di una battaglia che non posso vincere e cerco di distrarmi pensando ad altro. È una vita complicata 😋

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...