Il grillo autunnale

I grilli hanno cantato per tutta l’estate sotto il mio balcone. Uno lo sta facendo anche adesso.

È arrivato l’autunno, la stagione che più mette in evidenza i contrasti. Ci sono persone felicissime, che non vedevano l’ora di rivedere i colori accesi delle foglie cadute e di bere tè caldo sotto la coperta. E poi ci sono altre persone che hanno già pagato l’abbonamento dall’analista, che si mettono il costume da sotto il giubbino di pelle, nella speranza di poterlo usare ancora.

Ecco queste persone sono rappresentate dal grillo che abita sotto casa mia. Per tutta l’estate a casa mia c’è stato un coro fisso di grilli accaldati. Mentre noi eravamo sempre più liquefatti sul divano, i grilli cantavano per scacciare il caldo e sembrava volessero portare allegria. Ora, nonostante abbia piovuto e il caldo non è più come quello del mese scorso, c’è rimasto un solo grillo superstite. Instancabile, attacca a cantare il giorno e con poche pause arriva fino alla sera.

Il grillo sotto casa mia è un nostalgico. Gli manca già da morire quello che ha appena perso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...