In & out

Quando ciò che mostri all’esterno e ciò che pensi dentro di te non corrispondono.

Sul pullman, schiacciata da persone da ogni parte. Io ho paura della folla. Non in senso lato, in senso letterale: ho l’agorafobia, che è la paura degli spazi aperti e della folla. Già, quindi, per uscire di casa e fare la spesa devo fare training autogeno e convincermi che nulla mi accadrà di male, che nessuna macchina mi investirà, che non verrò risucchiata dalla vastità delle strade e delle piazze. Figuratevi come mi devo concentrare per salire sugli autobus pieni di gente! Alla fine uso sempre lo stesso metodo: fisso un punto ristretto (i miei piedi, l’orecchino della ragazza difronte, la borsa del signore di lato) e penso che tutto il mondo si concentra lì. Mai perdere la concentrazione, o per me è finita! Tutto il mio mondo è lì, nel mio sandalo che si sta scollando leggermente alla punta…

<<Scusi, signorina.>>

<<Che?>>

<<Signora, devo scendere, per favore.>>

<<Ah, mi scusi! Certo, la lascio passare.>>

<<Grazie. Arrivederci.>>

<<Buona giornata!>>

Il tutto col sorriso stampato in faccia, tono di voce medio, aria rilassata e cordiale. Dentro di me, invece, “Dio, quanta cazza di gente che c’è in questo fottuto pullman! Chi me l’ha fatto fare di alzare la testa, porca…”

<<Ultima fermata!>>

Dio sia lodato!

 

Un pensiero riguardo “In & out

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...