Sembra facile a te

Due folletti camminano per la foresta: entrambi piccoli, barbuti, con la pipa e con un sacco enorme (per loro) sulle spalle.

<<Tu non puoi immaginare quanto pesa questo sacco.>>

<<Lo immagino sì! Peserà certamente meno del mio.>>

<<Lo credi tu! In questo sacco ci sono tutte le cose storte che ho raccolto da Siviglia a qui.>>

<<E ti lamenti? Per così poca strada… Io vengo da Singapore e ce ne sono di cose storte in questo sacco…>>

<<Cosa può mai andare storto nella terra d’Oriente? Non sai cosa si combina da quest’altra parte! Delle bestie sono e me la devo vedere solo io.>>

<<Non parlare se non sai le cose! In Oriente nascondono sotto i tappeti i loro misfatti, ma ne fanno di cotte e di crude – ben peggio di quello che possono fare a Siviglia! E ci pensi che debba pensarci io soltanto?>>

<<Vuoi dire che sono un ignorante? Faccio da prima di te questo mestiere, ragazzino! Conosco bene le quattro sciocchezze di cui ti sei dovuto occupare e io le farei dormendo!>>

<<Ah, solo perché ti riesce facile dormire e non far nulla non vuol dire che ogni cosa tu possa risolverla in questo modo!>>

<<Sarei io lo scansafatiche, eh! Brutto…>>

E qui vi dispensiamo dai dettagli della loro conversazione, che da tale si è trasformata in una zuffa senza risparmio di cazzotti. Mentre i due folletti pensavano a darsele di santa ragione, i due sacchi incustoditi si accasciarono a terra, si aprirono e – qualsiasi sia stata la mole di lavoro per ognuno – tutto il contenuto andò disperso in giro per il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...